lunedì 26 giugno 2017

A spasso per le Dolomiti



"I nove sistemi sistemi montuosi che compongono le Dolomiti Patrimonio dell'umanità comprendono una serie di paesaggi montani unici al mondo e di eccezionale bellezza naturale. Le loro cime, spettacolarmente verticali e pallide, presentano una varietà di forme scultoree che è straordinaria nel contesto mondiale. [...] contemporaneamente la geologia, esposta in modo superbo, fornisce uno spaccato della vita marina nel periodo Triassico, all'indomani della più grande estinzione mai ricordata nella storia della vita sulla Terra."
(Dichiarazione di eccezionale valore universale, Comitato per il Patrimonio Mondiale, Siviglia 26/6/2009)

domenica 25 giugno 2017

Pesto di fave o marò rivisitato

Avere un orto e coglierne i frutti dà un'immensa soddisfazione, più a km 0 di così non si può.
Una soddisfazione ancora più grande è cucinare con i prodotti appena raccolti.  Mio padre quest'anno ha provato a coltivare le fave, un legume che conosco poco perché in veneto non si trova spesso.
La particolarità delle fave è che vanno mangiate fresche: già uno, due giorni dopo averle raccolte cambiano completamente sapore (in peggio), quindi mangiatele appena raccolte che sono la fine del mondo. Noi le abbiamo mangiate sia crude che spadellate con olio e aglio, ma ho deciso di tenerne da parte una piccola porzione per fare una crema o pesto che dir si voglia, da spalmare su un bel crostone o da usare come condimento della pasta.
Mi sono ispirata al marò ligure, ma ho apportato delle modifiche a mio gusto.


giovedì 22 giugno 2017

Un'aromatica tutta italiana: il BASILICO!



Questa settimana è il turno del basilico: che dire di questa meravigliosa erba che è l'emblema della cucina italiana e mediterranea? Quando penso al basilico lo abbino automaticamente a pomodoro e mozzarella, la classica caprese.
Lo mangiamo anche nella pizza, nella pasta ed è il protagonista del pesto.
Per valorizzarlo a dovere mi sono inventata queste mini quiches sfiziosissime, dove lo vediamo abbinato ai pomodorini e al formaggio, la morte sua. Poi non sono carinissime? Fa quasi peccato mangiarle!

martedì 20 giugno 2017

Plumcake alle fragoline

In questo periodo il mio orto sta producendo una quantità industriale di fragoline, che consumiamo mangiandole a manciate. Con il raccolto di questa settimana ho deciso di fare un bel plumcake, che per fortuna è stato divorato con la consueta voracità.
Vanno bene anche le fragole normali, ma se trovate le fragoline provate con quelle perché sono troppo buone!



giovedì 15 giugno 2017

L'ERBA CIPOLLINA in due ricette

Continuando con la bellissima rubrica delle erbe aromatiche, oggi si parla di erba cipollina. Oltre ad essere molto carina, con i suoi steli lunghi e cavi e i suoi fiorellini viola, quest'erba è l'ideale per chi ama i sapori pungenti; infatti ha un aroma che ricorda quello del porro un po' più aspro, e si presta come sostituta della cipolla.
Diversamente dalle altre aromatiche non può essere utilizzata da secca, ma bisogna coglierla fresca, se no perde il suo profumo e diventa molliccia.
Una curiosità simpatica: era utilizzata come anti-malocchio dai Celti e come protezione dai tedeschi contro gli gnomi della Foresta Nera.
Ma tornando alla cucina, le due ricette qui sotto illustrano due possibili utilizzi dell'erba cipollina: mettetevi il grembiule e munitevi di coltello!

https://www.giardinaggio.net/orto/aromatiche/erba-cipollina.asp

martedì 13 giugno 2017

Tarte tatin di ciliegie al rum




Questa ricetta ha preso forma nella mia testa nel momento in cui ho visto l'albero dei vicini carico di ciliegie. Da grande fan delle torte rovesciate ho pensato che una tarte tatin alle ciliegie sarebbe stata molto d'effetto.
Non è una tarte tatin classica con il caramello perché ho deciso di macerare le ciliegie nel rum e zucchero per qualche ora, per insaporirle.
Va da sé che essendoci pochi ingredienti è imperativo averli tutti di buona qualità per la riuscita di questa ricetta: la sfoglia dev'essere o fatta in casa o di una buona marca, le ciliegie devono essere belle saporite e anche il rum è importante (io Havana club Añejo Especial).




Ingredienti


200 g di ciliegie
1 rotolo di pasta sfoglia rotonda
1 cucchiaio di zucchero
rum qb


Lavate le ciliegie e tagliatele a metà, togliendo l'osso. Mettetele in un'ampia scodella ricoprendole di rum misto a un cucchiaio di zucchero. Coprite e fate macerare per due ore.
Preriscaldate il forno a 180° e preparate una tortiera a cerniera rotonda del diametro di 20 cm. Imburratela e disponete le ciliegie ben scolate "a pancia in giù", devono essere messe tutte vicine lasciando uno spazietto vuoto lungo il diametro della tortiera. Bucherellate il disco di sfoglia con una forchetta e adagiate la pasta sulla tortiera, facendola aderire alle ciliegie e rimboccandola bene lungo il bordo.
Infornate a 180° per almeno 30 minuti, fino a quando la superficie della sfoglia è ben dorata.
Servite tiepida o fredda con un ciuffetto di panna montata o dello yogurt.
Vi consiglio di consumarla entro il giorno, perché la sfoglia il giorno dopo può risultare molliccia. Per lo stesso motivo non mettetela in frigo.


Bon appetit!!!!

sabato 10 giugno 2017

Plumcake con yogurt e scorza di limone


Adoro il limone e soprattutto nei dolci trovo che il suo contributo sia notevole! Ecco che da TRE limoni da cui rimaneva da usare solo la scorza, ho deciso di fare questo plumcake che avesse tutto il buon aroma delle bucce ! 

Ingredienti: 
180g farina 00
125g di yogurt bianco
la scorza di 3 limoni
90g di zucchero
1 uovo

in forno per 30" circa, 180°


giovedì 8 giugno 2017

TIMO e pesce: l'accoppiata vincente in due ricette

Nella seconda settimana della rubrica andiamo a sperimentare con il timo , una pianta aromatica tipica dell'area mediterranea e che si distingue in più di cento specie.
Ecco qualche curiosità sul timo! http://www.finedininglovers.it/blog/food-drinks/timo-ricette-curiosita/