giovedì 13 aprile 2017

Cibo, amici e un pic nic!


Nella primavera di ormai una decina di anni fa noi Golosi siamo due mocciosi che vanno alle elementari e che litigano per cose stupide tipo "mi hai rubato la penna-non è vero la penna è mia!". Ma nel frattempo siamo anche già ottimi amici. Conosco Vale il quinto e ultimo anno della scuola elementare e spaesato com'ero una piccola dai boccoli biondi sembrava voler far di tutto per essermi amica, e infatti diventiamo quasi subito buoni amichetti. Abbiamo la fortuna di passare un'infanzia in cui nelle giornate libere venivamo accompagnati dai genitori a giocare all'aria aperta con tutti gli apparenti "pericoli" che questo comportasse: erba, sassolini, buche, fiumiciattoli e soprattutto...burroni! Si, perchè se penso a una delle cose più eccitanti che mi piacesse fare da piccolo era proprio il saltare i burroni, specie quando nelle vicinanze c'erano delle altrettanto pericolose ortiche.




E uno dei posti più belli dove giocare pericolosamente era Villa Guidini. Oggi potremmo parlare di Villa Guidini per ciò che è, ovvero un'antica villa veneta con ampio parco, ad oggi non praticabile all'interno ma nel cui patio sono stati ricavati un ristorantino e un centro socio-culturale. Ma la verità è che per noi ogni occasione per andarci era una bella festa; mentre percorrevamo in macchina quelli che ci sembravano chilometri eterni (oggi sappiamo che in realtà dista poco meno di 15 minuti), già ci vedevamo rincorrerci per il grande parco e divertirci su tutti i giochi messi a disposizione, in particolare un lunghissimo scivolo dove si scendeva sempre un po' troppo velocemente facendoci ritrovare col sedere per terra! E poi il frisbee, la palla, le rincorse, qualche piccola "trasgressione" nel curiosare punti del parco un po' sconsigliati dalle mamme, e il rimanere incantati a vedere degli enormi pavoni vantarsi con le loro ruote. 



Ma era soprattutto un'occasione per portarsi via un bel cestino con buone cose da mangiare, distendere la classica tovaglia sul prato e quando se ne aveva voglia, sedersi a sbeccottare. E proprio la primavera per noi è da sempre una stagione che ti dà la carica: le giornate si allungano, si respira aria fresca e piacevole e soprattutto si assiste al risveglio della natura. Sono cose che fanno bene alla mente e al corpo, dopo i freddi e grigi mesi invernali. In cucina poi, comincia a diventare ancora più stimolante creare nuove ricette a base di ottimi ingredienti di stagione, come gli asparagi o le erbe selvatiche che in questo periodo raccogliamo.

Negli anni purtroppo abbiamo avuto sempre meno occasioni di tornare alla villa, ma ogni tanto andiamo a farci una passeggiata in ricordo dei vecchi tempi! Oggi vi raccontiamo queste piccole avventure in occasione del bellissimo contest Di cucina in cucina, ospitato al momento da Manolo di Shake your free life con il tema "Un pic nic tra amici", al quale partecipiamo con due proposte molto semplici e sfiziose che potreste aggiungere nel vostro cestino insieme ad altre leccornie! 

Frittata muffins con ricotta e bruscandoli (per 8)
Dato il periodo volevamo utilizzare i bruscandoli, ossia i germogli del luppolo che si trovano facilmente lungo i fossi, ma invece della solita frittata abbiamo fatto dei muffin di frittata! Questi bocconcini sono leggeri e squisiti!




4 uova medie
mezzo mazzetto di bruscandoli
mezzo scalogno
100 g di ricotta
olio e sale

Fate un soffritto con lo scalogno e poco olio e unitevi i bruscandoli, saltandoli a fuoco vivace per circa 10 minuti.
Sbattete le uova con le fruste elettriche e salate. Aggiungete la ricotta, amalgamando bene il tutto, e infine i bruscandoli raffreddati.
Ungete molto bene una teglia da muffin e mettete in ogni stampino due cucchiaiate di composto. Cuocete a 180° per circa 25 minuti, fino a doratura. Non aspettate troppo a sformare le frittatine, se no rischiano di attaccarsi agli stampi.





Shortbread al cocco e limone
Come dolce per il nostro pic nic abbiamo scelto un bello shortbread burroso che vede abbinati la farina di cocco e il limone: uno tira l'altro!




150 g di farina 00
100 g di farina di cocco
80 g di zucchero
170 g di burro morbido
1 cucchiaino di succo di limone
scorza grattugiata di 1 limone
1 cucchiaio di semi di papavero


Aiutandovi con delle spatoline per toccare meno possibile il burro, amalgamate tutti gli ingredienti e con pazienza impastate fino ad ottenere una palla omogenea, anche se è normale che resti un po' friabile.
Mettete l'impasto in uno stampo a vostro piacere (noi uno quadrato) e con le dita distribuite la frolla fino a renderla della stessa altezza. Bucherellate con i rebbi di una forchetta e infornate a 180° per 20 minuti. Una volta sfornato tagliate lo shortbread a quadrotti prima che si raffreddi.




Con queste ricette partecipiamo al contest Di cucina in cucina di marzo e aprile, ospitato da Shake your free life con tema "Un pic nic tra amici".




http://www.shakeyourfreelife.com/un-pic-nic-tra-amici/




Nessun commento:

Posta un commento